Home » Bambini » Spray urticante su un'alunna, è la punizione della preside

Spray urticante su un'alunna, è la punizione della preside

La preside di una scuola superiore di Milano ha usato lo spray urticante contro un’alunna per punirla, mandando quest’ultima in ospedale. La ragazza si era resa colpevole di aver usato lo spray al peperoncino qualche giorno prima su alcuni compagni. La punizione della preside sulla quindicenne non si è fatta attendere, ed ha così applicato la cosiddetta legge del taglione.

La ragazza ha visto gonfiarsi la mano raggiunta dalla sostanza urticante, e anche altre due sue compagne ne hanno risentito, finendo in tre al San Raffaele di Milano. Chiaramente immediate le reazioni di sconcerto una volta appresa la notizia da parte dei genitori e dell’Associazione culturale docenti cattolici che ha denunciato l’accaduto e che ora chiede la sospensione della dirigente.

La preside, Paola Tieri, che si era già contraddistinta per la fermezza e l’esemplarità punitiva anni fa, si è così giustificata: “Non avevo la minima idea che fosse pericoloso, credevo fosse solo uno spray di carnevale. Sono mortificata e chiedo scusa”.

Gaetano Scavuzzo

Condividi con un amico