Home » Bambini » Colestasi gravidica, cos’è e come si cura

Colestasi gravidica, cos’è e come si cura

La colestasi gravidica è una patologia abbastanza rara che provoca prurito prima alla pianta dei piedi e alle mani, poi generalizzato. Si tratta di una patologia che insorge solo in gravidanza e che, se trascurata, può provocare complicanze anche serie al nascituro. La colestasi gravidica è una condizione patologica che si può verificare nel secondo e terzo trimestre di gravidanza e che comporta la presenza di sali biliari nel fegato.

Il manifestarsi della colestasi sembra sia legato a una maggiore sensibilità agli steroidi che in gravidanza sono prodotti in quantità sempre crescenti e determinano un accumulo di bile a livello epatico. La colestasi mostra spesso un andamento familiare e ciò suggerisce la presenza di possibili fattori genetici alla base di questa patologia. Il primo sintomo avvertito dalle donne in dolce attesa è il prurito, soprattutto di notte, prima localizzato alle piante dei piedi e alle mani, poi generalizzato. Dopo 25 giorni dall’inizio del prurito, gli esami che controllano il dosaggio della bilirubina e delle transaminasi, solitamente confermano la concentrazione di bile nel fegato.

Rischi per il bebè e cura della colestasi gravidica

La colestasi comporta per la mamma il rischio di una maggior tendenza alle emorragie al momento del parto a causa di un malassorbimento della vitamina K e anche per il bambino, se trascurata, la colestasi può provocare danni anche seri come sofferenza fetale, morte endouterina, asfissia neonatale o morte neonatale. Questo perché l’accumulo di acidi biliari nel sangue può ridurre la sintesi di surfattante polmonare, una sostanza prodotta dal feto che induce la maturità polmonare e consente al bambino l’autonomia respiratoria al momento della nascita.  Grazie a terapia farmacologica a base di acido ursodesossicolico e controlli più assidui, la colestasi può essere tenuta sotto controllo, alleviando il prurito e migliorando i parametri fetali fino al parto.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.
x

Guarda anche

Una rara malattia che rende il corpo “come il legno”

Potete chiamarla Morbo di Bechterew, oppure come fanno molti “spondilite anchilosante” (S.A.). Si tratta di ...

Condividi con un amico