Home » Bambini » Bilanci di salute: cosa sono e quando si fanno

Bilanci di salute: cosa sono e quando si fanno

I bilanci di salute sono dei controlli pediatrici a cui il bambino viene sottoposto nei primi anni di vita con lo scopo di seguirne la crescita e verificare lo sviluppo fisico, psichico e sensoriale. Nel corso di ogni visita di controllo prevista dal calendario il pediatra di base compie una visita generale del bambino; misura altezza, peso e circonferenza cranica del piccolo; verifica il suo sviluppo psico-motorio e controlla la vista e l’udito. Il medico provvede inoltre ad informarsi sul comportamento e l’alimentazione del bebè e fornisce indicazioni sul calendario vaccinale.

Il primo bilancio di salute si effettuerà allo scadere del primo mese di vita del bebè. Durante questo controllo, il pediatra verifica la fontanella della gola e le sue dimensioni (controllo auxologico), la bocca e il palato, la cute, ausculta il cuoricino, controllerà gli organi genitali, il respiro e l’addome. Infine, eseguirà la manovra detta di Ortolani-Barrow per vedere che non vi sia una lussazione congenita all’anca. Durante la seconda visita a 2-3 mesi il medico ripete il controllo auxologico, effettua il test della vista, valuta la necessità di integrare l’allattamento naturale con quello artificiale in caso di esaurimento di latte materno e rallentata crescita del piccolo e presenta l’elenco dei vaccini obbligatori e raccomandati. La terza visita a 4-5 mesi prevede che lo specialista verifichi i progressi legati alle reazioni agli stimoli vocali, la relazione con la figura materna e fornisca le prime indicazioni relative allo svezzamento. Il quarto bilancio di salute arriva al compimento degli 8 mesi del neonato. Durante questo controllo il medico provvde a verificare l’avvio della lallazione (la ripetizione delle prime sillabe da parte del neonato) ed effettua test della vista e dell’udito, attraverso l‘esecuzione del Boel test. Al compimento di un anno di età il pediatra è chiamato a controllare lo sviluppo psico-motorio e sensoriale del bebè e durante il quinto controllo in calendario fornisce altre indicazioni relative all’alimentazione più adatta, alle calzature più idonee ai primi passi e alla fluoroprofilassi per i dentini. Durante la sesta visita a 15-18 mesi lo specialista esegue lo Stereotest di Lang per valutare la funzione visiva del bimbo.

La settima visita in calendario è fissata a 3-4 anni. Il pediatra valuta in particolare la deambulazione del piccolo e dà indicazioni circa l’igiene orale e l’educazione al vasino. In questa fase prescrive in genere anche una visita oculistica e una ortopedica e consiglia un primo controllo odontoiatrico. Anche in occasione del controllo fissato a 5-6 anni, accanto a tutti i controlli di routine, il medico consiglia un altro controllo oculistico, ortopedico e odontoiatrico. L’ultimo bilancio, previsto all’età di 12-13 anni, viene individuato quale momento di raccordo con l’attività assistenziale prestata dal medico di Medicina Generale, per garantire a quest’ultimo una corretta informazione sanitaria degli assistiti presi in carico.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.
x

Guarda anche

Seu, no al latte crudo ai bambini

L’infezione Seu torna a fare paura in Puglia. Nelle scorse settimane, infatti, altri due bambini, ...

Condividi con un amico