Home » Bambini » Autismo, si può predire con risonanza già a 6 mesi di vita

Autismo, si può predire con risonanza già a 6 mesi di vita

Diagnosticare l’autismo nei bambini già a sei mesi di vita si può. A sostenerlo è una recente ricerca condotta dagli esperti dell’Università della Carolina del Nord secondo cui se un bebè soffrirà di autismo lo si può predire con una risonanza della testa già a sei mesi di vita.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine, dimostrerebbe come piccole differenze anatomiche, strutturali e funzionali del cervello consentono di capire già nel neonato se negli anni a venire si ammalerà di autismo.

Nello specifico i ricercatori hanno evidenziato differenze funzionali nelle connessioni cerebrali dei bebè a sei mesi di vita. Gli esperti hanno preso in considerazione i dati relativi ad un campione di 59 bimbi tutti ad alto rischio di malattia (perché con un fratello maggiore autistico). Alla luce dei dati raccolti i ricercatori sono riusciti a predire con elevata accuratezza quali di questi bimbi si sarebbero ammalati veramente negli anni a venire. Gli scienziati sperano di creare un test multiplo basato sia sulla risonanza, sia su altri esami da somministrare a bebè a rischio per capire se avranno o meno il disturbo in futuro.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Trasfusioni addio? Arriva il farmaco per gli anemici

Ci sono malattie ereditarie o tumorali che attaccano il sangue. Sono anemie che distruggono i ...

Condividi con un amico