Home » Benessere » In Italia 2 bambini su 10 sono obesi

In Italia 2 bambini su 10 sono obesi

Da una ricerca è emerso che l’11% dei bambini italiani non è autorizzato dai genitori a giocare all’aperto rispetto allo zero % dei coetanei danesi e polacchi. Questo è dovuto al fatto che in Italia, ci sono poche aree verdi attrezzate e le strade sono troppo trafficate. I bambini danesi sono risultati i più attivi: il 53,5% del campione pratica dello sport. I più inattivi, appunto, sono gli italiani: 18,2%.
Per le ore trascorse davanti alla Tv, emerge che il 3% dei bambini danesi dedica due ore al giorno.
Un risultato positivo visto che vedere la televisione per un tempo superiore alle due ore è considerata una cattiva abitudine a causa dell’aumento di probabilità di sviluppo dell’obesità infantile. Seguono i polacchi con il 12,2% e gli italiani con il 13,2%. Durante il fine settimana si è scoperto che i bambini dedicano maggior tempo alla televisione. I polacchi il 41%, gli italiani il 25% e i danesi il 22,7%.
La ricerca si è focalizzata anche sul ruolo degli asili, al fine di individuare l’importanza delle strutture per la promozione di uno stile di vita sano ai bambini, PERISCOPE ha analizzato il livello di gradimento da parte del campione. Quando è stato chiesto: “A tuo figlio piace andare all’asilo?” la quasi maggior parte degli intervistati nei tre paesi ha risposto positivamente (circa il 90% in media nei tre paesi). Solo i bambini polacchi hanno risposto negativamente con una percentuale del 16,7%.
Il risultato complessivo evidenzia che gli asili rappresentano un ambiente positivo per aiutare i genitori nella crescita dei figli. Si è scoperto anche, che i bambini italiani sono i più sedentari nel raggiungere l’asilo. Infatti, anche se vicini, preferiscono essere accompagnati dalle famiglie italiane con l’auto molto piu’ dei bimbi danesi e polacchi, pur favorendo di un clima più mite rispetto agli altri due.

admin

x

Guarda anche

Seu, no al latte crudo ai bambini

L’infezione Seu torna a fare paura in Puglia. Nelle scorse settimane, infatti, altri due bambini, ...

Condividi con un amico