Home » Benessere » Soia per combattere i tumori, tra cui quello ai polmoni

Soia per combattere i tumori, tra cui quello ai polmoni

Da una ricerca condotta presso il National Cancer Center di Tokyo e pubblicata sulla rivista American Journal of Clinical Nutrition, oltre all’astensione dal fumo, per combattere il tumore ai polmoni è importante il consumo di soia.
Infatti, assumendo questo legume attraverso l’alimentazione, si riduce la probabilità di ammalarsi di cancro al polmone e non solo.
La soia è uno dei cibi con la più alta concentrazione di isoflavoni, fitoestrogeni che regolano naturalmente la produzione ormonale corporea. Questo effetto equilibratore è particolarmente utile per le donne che desiderano sia assicurarsi un corretto e regolare equilibrio ormonale sia un naturale aumento del seno, poiché gli isoflavoni della soia stimolano naturalmente la produzione di estrogeni ‘buoni’ che si legano alle cellule dei recettori della ghiandola mammaria contribuendo così allo sviluppo sano del seno. Gli isoflavoni della soia bloccano anche la ricezione di estrogeni pericolosi e cancerogeni di origine chimica, aiutando così a proteggere il seno (e il corpo in generale) dai rischi di tumori. Ci sono numerosi studi clinici sugli effetti di prevenzione del cancro del seno e della prostata negli uomini, ultimo quello che interessa il cancro al polmone.
La soia è un alimento di grande valore che sta ottenendo sempre più successo nell’alimentazione non solo dei vegetariani ma di tutte le persone che tengono alla loro salute. Sono anche in commercio molti integratori a base di soia.
La soia ha sapore simile ai fagioli e può essere consumata proprio come un legume. Dalla soia si ricavano anche numerosi prodotti alimentari presenti sempre più sul mercato non solo nei negozi specializzati ma anche nei supermercati: l’olio di soia, la farina di soia, la salsa di soia (ottimo condimento molto usato nella cucina cinese al posto del sale), latte di soia, gelato di soia, tofu (un formaggio a base di soia), hamburger e salsicce di soia sostitutivi della carne per i vegetariani. La soia infatti è composta al 44% da proteine, molto più che le lenticchie o altri legumi.
Per questo non è stato difficile il tentativo di studio sulle proprietà di questo legume in medicina.
L’ultima sperimentazione, è stata eseguita su 36mila uomini e 40mila donne giapponesi, di età compresa fra i 45 e i 74 anni, che non presentavano all’inizio della ricerca tumori. Lo studio è durato 11 anni, durante il quale i ricercatori hanno monitorato le abitudini alimentari, l’abitudine al fumo e lo stile di vita dei pazienti.
In questo lasso di tempo è stato diagnosticato un tumore al polmone solo in 481 uomini e per 178 donne.
Fra i 13mila uomini non fumatori, 22 casi di cancro al polmone si sarebbero verificati a causa di un basso consumo di soia, mentre gli altri 13 casi sarebbero riconducibili al contrario, cioè un elevato consumo di soia.
Lo stesso non può dirsi per le donne, nelle quali non è stato possibile trovare un nesso fra consumo di soia e cancro al polmone.

admin

x

Guarda anche

Seu, no al latte crudo ai bambini

L’infezione Seu torna a fare paura in Puglia. Nelle scorse settimane, infatti, altri due bambini, ...

Condividi con un amico