Home » Benessere » A Pavia al Cnao, si bombarderanno i tumori con il sincrotone

A Pavia al Cnao, si bombarderanno i tumori con il sincrotone

A Pavia apre oggi il primo Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica (Cnao), che tramite un super-raggio di carbonio e protoni bombarderà il cancro risparmiando i tessuti sani. La struttura è stata inaugurata dai ministri Ferruccio Fazio, Giulio Tremonti e Umberto Bossi, insieme al presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, costruita 4 anni fa dalla Fondazione Cnao. E’ il quarto centro al mondo di questo tipo, dopo quelli di Chiba e Hyogo in Giappone e di Heidelberg in Germania, e si concentrerà in particolare nella cura dei tumori solidi resistenti alla radioterapia o difficilmente operabili, grazie a una radioterapia mirata che utilizza al posto dei normali raggi X particelle subatomiche chiamate adroni. La struttura, costata 125 milioni di euro, e si avvia alla sua fase di sperimentazione, che terminerà ad ottobre 2011.
Entro fine anno, invece, partiranno i primi test sull’uomo che coinvolgeranno 230 pazienti. I primi trattamenti di cura saranno fatti verso la fine del 2011, e il Centro conta di curare entro il 2013 circa 3 mila pazienti ogni anno in circa 20 mila sedute. Il segreto del Centro è il sincrotrone, una macchina in grado di produrre i protoni e gli ioni di carbonio con i quali verranno bombardati i tumori, realizzata dall’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn). Queste particelle sono in grado di penetrare in profondità nel corpo umano, arrivando a colpire anche gli organi più difficili da raggiungere con la chirurgia. Infatti, basterebbero due o tre minuti per irradiamento e in media una decina di sedute della durata di 25 minuti per curare una vasta gamma di patologie. Questo trattamento non sostituisce la radioterapia convenzionale, ma è un supporto che può essere utilizzato in aggiunta o in sostituzione dei trattamenti tradizionali.
Grazie a questo Centro e all’adroterapia, i pazienti italiani potranno evitare di recarsi all’estero per le cure, con un risparmo anche per il Servizio sanitario nazionale. La struttura valuterà efficacia della terapia e dei costi, che saranno sostenibili all’interno dell’Ssn.

admin

0 Commenti

  1. AMOROSI PIETRO LUIGI

    Ho letto con attenzione i numerosi articoli riguardanti l’inaugurazione del centro CNAO presso l’Ospedale San Matteo di Pavia.
    Purtroppo mio fratello è affetto da liposarcoma in zona pelvica che è stato giudicato non operabile in quanto estremamente distruttivo.
    Da alcuni mesi è costretto a letto a causa di insopportabili dolori che lo affliggono in posizione eretta.
    Chiedo se sia possibile inserirlo tra i 230 pazienti che saranno trattati nei primi 18 mesi della fase sperimentale.
    Sono pronto a venire direttamente a Pavia per far esaminare tutta la documentazione medica in possesso di mio fratello.

x

Guarda anche

Seu, no al latte crudo ai bambini

L’infezione Seu torna a fare paura in Puglia. Nelle scorse settimane, infatti, altri due bambini, ...

Condividi con un amico