Home » Benessere » Zanzara modificata per combattere la dengue e la malaria

Zanzara modificata per combattere la dengue e la malaria

Da uno studio condotto da ricercatori dell’Università della California a Irvine (Usa) e dall’Università di Oxford (Gb), pubblicato online su “Pnas”, ha scoperto una soluzione contro la dengue e la malaria, che sarebbe in grado di sostituire gli insetticidi.

La dengue è di origine virale, è causata da quattro virus (Den-1, Den-2, Den-3 e Den-4), e trasmessa agli uomini attraverso la zanzara, che li predilige come ospiti del virus, anche se quest’ultimo non è in grado di passare direttamente da un essere umano all’altro.

Grazie all’alterazione genetica delle zanzare femmine responsabili della trasmissione della dengue, gli insetti morirebbero entro 6/9 mesi. In quanto, i maschi delle zanzare sarebbero immuni all’alterazione, ma ciò non rappresenterebbe un problema perchè esse non pungono e quindi non trasmettono i virus responsabili della malattia.

Gli esperti attraverso la loro sperimentazione, hanno modificato geneticamente oltre le femmine anche alcuni maschi, che accoppiandosi con le femmine normali, dovrebbero dare vita a nuove zanzare OGM che non possono volare.

La dengue che ha un incubazione di 2/7 giorni, può essere trasmessa attraverso la puntura ad altri soggetti umani, durante questo periodo.

La malattia si manifesta con febbre molto elevata con forti mal di testa, dolori agli occhi, muscolari e articolari, ed ancora nausea, vomito, irritazione cutanea.

Questa malattia può svilupparsi durante e dopo la stagione delle piogge, nelle zone tropicali e subtropicali di Africa, Sudest asiatico e Cina, India, Medioriente, America latina e centrale, Australia e diverse zone del Pacifico, mentre in Italia è contratta tramite la puntura della zanzara tigre.

Il ricercatore Luca Alphey, coordinatore dello studio, spera che questa ricerca possa aprire la strada anche alle zanzare Anofele, portatrici della malaria.

admin

x

Guarda anche

Seu, no al latte crudo ai bambini

L’infezione Seu torna a fare paura in Puglia. Nelle scorse settimane, infatti, altri due bambini, ...

Condividi con un amico