Home » Benessere » Fare stretching non serve quasi a niente se non lo si fa con costanza

Fare stretching non serve quasi a niente se non lo si fa con costanza

Lo stretching prima di correre non protegge i muscoli dai crampi come si credeva. Soprattutto se lo si fa per la prima volta dopo tanta inattività. A sostenerlo uno studio condotto presso la George Washington University e presentato al meeting annuale dell’ American Academy of Orthopaedic Surgeons.

Gli autori di questo studio hanno arruolato 2729 volontari abituati a correre molto, per circa 16 km a settimana. Ebbene, questi volontari sono stati divisi in due gruppi: uno scelto per fare stretching prima di correre e l’altro no.

Dai risultati ottenuti, i ricercatori hanno scoperto che dopo 3 mesi il rischio infortuni in entrambi i gruppi si è attestato al 16%.

Si è visto dunque, che il rischio infortuni aumenta all’aumentare dell’indice di massa corporea (IMC), aumenta a seguito di lesioni non completamente guarite o di tipo cronico.

Pertanto, la probabilità di farsi male aumenta anche in coloro che sono abituati a fare stretching e che poi non lo fanno più.

Lo stretching non crea danni ai muscoli se viene praticato ma non può essere considerato efficace per prevenire gli strappi muscolari se non lo si è mai praticato.

admin

x

Guarda anche

Salute: nei bambini sono normali i dolori della crescita

Spesso i bambini nell’età compresa tra i 3 e i 12 anni possono avvertire durante ...

Condividi con un amico