Home » Benessere » Scandalo Sanità in Sicilia: politici citati per danni

Scandalo Sanità in Sicilia: politici citati per danni

Proseguono le indagini e le polemiche sul grave scandalo Sanità in Sicilia. La Corte dei Conti continua a denunciare gli sprechi di denaro pubblico nella Sanità siciliana: assunzioni non necessarie, ampliamento inutile del parco ambulanze e del 118.

L’indagine ha visto citati in giudizio 18 politici tra cui l’ex presidente della Regione, Salvatore Cuffaro, assessori regionali e altri esponenti della commissione sanità della Regione.

Il danno causato dalla condotta illegale dei politici ammonterebbe a oltre 37 milioni di Euro.

Tra il 2005 e il 2006 si sono moltiplicate le assunzioni inutili di operatori del 118: oltre 1600 che sono diventati poi 3300, pari ad un costo di oltre 100 milioni di Euro all’anno per la Regione Sicilia.

Tutte le assunzioni sarebbero collegate a “favori elettorali” e proprio per giustificarle sarebbero stati acquistati molti mezzi di soccorso di fatto inutilizzati. E inutilizzate sono rimaste anche molte attrezzature sanitarie, acquistate probabilmente solo per muovere la spesa pubblica.

admin

0 Commenti

  1. Un bel federalismo fiscale consentirà anche ai siciliani di pagare di tasca propria gli sperperi dei loro amministratori.
    E’ troppo comodo scaricare i debiti sui cittadini italiani !

x

Guarda anche

Roma, bimbo di due anni muore dopo intervento alle tonsille

Aperto un fascicolo per omicidio colposo senza indagati per chiarire le cause che hanno portato ...

Condividi con un amico