Home » Benessere » Punto G, il verdetto dopo 60 anni: non è mai esistito!

Punto G, il verdetto dopo 60 anni: non è mai esistito!

Lo dice l’Università di Yale, che è come dire: vangelo! E portano le prove concrete che smontano un castello costruito in 60 anni di studi e contro-studi. No, signore donne: il punto G non esiste! Rassegnatevi, nessuna chiave del piacere … e gli uomini (che non riuscivano a trovarla!) tirino un sospiro di sollievo!

Tutto ebbe inizio negli anni ’50 dello scorso secolo, quando il ginecologo tedesco Ernst Grafenberg (da cui l’iniziale “G”) dichiarò che esisteva un punto segreto che, se toccato durante il rapporto, regalava alle donne un piacere sconfinato. Negli anni, oltre 100 studi hanno approvato e smentito questa teoria, e un medico italiano (Jannelli) dichiarò di averlo perfino fotografato!

Ma ricerche condotte tra Londra e gli USA su oltre mille donne, e le prove raccolte con vari test incrociati, hanno dimostrato scientificamente che non c’è nessun punto particolare da stimolare e che il piacere intenso si può ottenere con semplici “manovre” ben studiate e con fantasie erotiche praticate costantemente. Su nessuna delle donne, infatti, è stato provato che una stimolazione particolare di una data area del corpo aumenti o diminuisca il piacere sessuale. Non essendoci prove, l’elemento in questione è da dichiarare quindi “mai esistito”. Con buona pace delle signore e gioia estrema dei mariti frustrati!

admin

x

Guarda anche

Ecco perché in autunno facciamo meno sesso

In autunno molti animali vanno in letargo e dormono diversi mesi, evitando il freddo. L’uomo ...

Condividi con un amico