Home » Benessere » Traumi fisici e mentali: una passeggiata li curerà

Traumi fisici e mentali: una passeggiata li curerà

In realtà il discorso è più complesso di così. Certamente una passeggiata non basta a dimenticare un incidente stradale, un’aggressione, un abuso sessuale … ma questo e altri metodi che coinvolgano il corpo e la mente assieme possono “esorcizzare” il ricordo doloroso e aiutarci a controllarne gli effetti.

Lo dice Marco Massignan, autore del libro “Guarire i traumi” (Uno Editori) dove per traumi non si intendono solo impatti fisici o gravi vissuti emotivi, ma anche lo stress pesante di un lavoro malpagato, i problemi col coniuge e così via. Esistono metodi psicologici che aiutano a interiorizzare e “capire” il trauma per poterlo poi portare allo scoperto in maniera indolore. Insegnamenti delle filosofie orientali, certamente, ma anche cose molto semplici … come, appunto, una passeggiata tra i boschi o sulla spiaggia, possono essere un’ottima terapia.

Si tratta di “rientrare in contatto con la nostra saggezza”, spesso tagliata fuori dai troppi pensieri e dalla fretta di ogni giorno, e che ha bisogno di silenzio e benessere per riemergere. La natura ha questo effetto benefico, ma anche la meditazione (sia essa Yoga, preghiera o Mantra) permette alla nostra mente di agire sul pensiero e sui traumi che esso a volte porta al nostro corpo. Un metodo naturale, che si può anche affiancare alla medicina classica, purché questa non miri ad anestetizzare il cervello con farmaci che ci rendono rilassati con la sonnolenza.

admin

x

Guarda anche

Alzheimer: Google aiuta i malati. Ecco come

E’ la malattia più temuta di oggi, dopo il cancro. L’Alzheimer. Non perché sia immediatamente ...

Condividi con un amico