Home » Benessere » Farmaci anti-cancro: ci sono, ma non tutti li possono avere

Farmaci anti-cancro: ci sono, ma non tutti li possono avere

I nuovi farmaci anti-cancro sono finalmente in circolazione, disponibili per tutti e pronti all’uso. Almeno in teoria. In pratica, per molte regioni d’Italia, questi farmaci sono ancora un miraggio. Solo in alcune (Piemonte, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Bolzano) sono infatti immediatamente disponibili per le specifiche terapie.

Il ritardo è dovuto all’eccesso di burocrazia che è tipico del nostro Paese che rallenta di molto il già lento lavoro delle commissioni che devono man mano esaminare e dare l’approvazione all’uso di queste nuove sostanze. Ciò comporta una disparità tra regioni e ancora una volta i “viaggi della speranza” che le persone malate devono intraprendere per forza. Purtroppo il cancro non può attendere i “tempi lunghi” delle nostre ASL e la gente cerca di darsi da fare da sola il prima possibile.

Al senato sono già state presentate delle sollecitazioni atte ad accorciare gli incredibili tempi della burocrazia (fino a 15 mesi di attesa per un parere) che stanno limitando l’uso di farmaci che all’estero hanno già provato la loro efficacia, diminuendo di molto la mortalità dei pazienti. Oltre al costo in termini di vite umane, questi ritardi clamorosi costano anche tanti soldi (viaggi, alloggi, cure) che in tempi di grave crisi pesano moltissimo sulle spalle di famiglie già provate dalla sorte. Si auspica una presa di coscienza e una velocizzazione di queste pratiche, da risolvere almeno entro l’anno.

admin

x

Guarda anche

SIDS: tra le cause l’eccesso di serotonina

L’eccesso di serotonina potrebbe essere la causa della Sindrome della morte in culla. Ad ipotizzarlo ...

Condividi con un amico