Home » Benessere » Pelle sana: importante vietare le "lampade" ai giovanissimi

Pelle sana: importante vietare le "lampade" ai giovanissimi

Danni e vantaggi delle lampade per l’abbronzatura artificiale. Più danni che vantaggi, però, a sentire gli esperti. E’ ormai provato che le “lampade” causano gravi danni alla pelle, primo fra tutti il tumore, il melanoma … e se questo rischio è alto per gli adulti è altissimo per i giovanissimi. Lo dicono statistiche osservate per dieci anni, a partire da una ricerca USA che ha individuato una correlazione tra abbronzatura artificiale e aumento dei tumori alla pelle tra i ragazzi.

Quando queste statistiche cominciarono a diffondersi al di fuori degli Stati Uniti, nel 2003, due Paesi presero subito provvedimenti: in Francia e Brasile furono subito vietate le “lampade” per i minorenni e i giovanissimi. Da allora il numero dei Paesi che le hanno man mano vietate è aumentato fino ad arrivare a 11 al giorno d’oggi. Pure in Italia è vietato far abbronzare con questo metodo i giovanissimi: le lampade a raggi UVA sono vietate ai minori di 18 anni, alle donne incinte e ai soggetti con particolari patologie o con carnagione molto chiara che si scottano facilmente al sole.

Gli esperti tengono a precisare che, con queste macchine, il rischio non è solo legato a problemi di invecchiamento precoce della pelle … ad allergie, ustioni e tumori … ma anche al fatto che, se si tratta di apparecchi meno nuovi, i filtri potrebbero non funzionare al 100% e dunque permettere il passaggio -oltre che dei raggi UVA- anche di altri tipi di raggi altrettanto nocivi. La pelle è la prima arma difensiva del nostro corpo ed è importantissimo che, soprattutto i più giovani, la mantengano sempre sana. Oltre ad evitare le lampade abbronzanti, i ragazzi dovrebbero anche evitare di perdere sonno e di intossicarsi con alcol, droga e fumo, che colpiscono duro la pelle quanto il resto dell’organismo.

admin

x

Guarda anche

Come fare una dieta sana grazie alle “pause”

L’Università della Tasmania (Australia) ha condotto uno studio molto interessante su un nuovo criterio di ...

Condividi con un amico