Home » Benessere » "Perchè mi hai lasciato?" Un metodo di terapia che molti interpretano come stalking

"Perchè mi hai lasciato?" Un metodo di terapia che molti interpretano come stalking

E’ un problema molto comune, in psicanalisi, ma anche un elemento di grande importanza che potrebbe stare perfino alla base di quella patologia nota come “stalking”, persecuzione. La non accettazione della fine di un rapporto può essere anche inconscia ed è certamente difficile da superare.

Molto spesso, chi non accetta per lungo tempo la fine di un rapporto amoroso lo fa perchè ha subito un trauma, ovvero, il rapporto è stato troncato in modo improvviso, violento o senza spiegazioni esaurienti. Non sono rari i casi di persone che si presentano dallo psicanalista raccontando di tutto, tranne della propria vita sentimentale perchè … “ormai è finita, l’ho superata, non ci penso più”. Ma non è proprio così. C’è sempre una parte inconscia del nostro “io” che rimane legata alle delusioni.

Tra due amanti -spiega la dottoressa Valentina Sciubba– esiste una sorta di patto non scritto in cui ci si impegna a donarsi l’uno all’altra e se la relazione finisce in modo improvviso o poco chiaro, la metà abbandonata si domanderà sempre dove ha sbagliato e perchè … anche quando crede di “averla superata”. La terapia più rapida per superare davvero questo trauma sarebbe unicamente quella di rivedere il partner e di farsi dare una spiegazione, atteggiamento che in molti casi può essere percepito dal “fuggitivo” come persecuzione, e dunque come stalking. Occorre quindi l’intervento dello psicanalista per cercare di fare da mediatore in una situazione che rischia poi di diventare a limite.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché in autunno facciamo meno sesso

In autunno molti animali vanno in letargo e dormono diversi mesi, evitando il freddo. L’uomo ...

Condividi con un amico