Home » Benessere » Brasiliano con arpione nel cervello si reca in ospedale da solo

Brasiliano con arpione nel cervello si reca in ospedale da solo

E’ una storia incredibile, talmente incredibile che lui per primo deve aver pensato che non potesse essere vera. Lui è Bruno Barcellos de Souza Coutinho, un pescatore brasiliano di 34 anni che un giorno, mentre puliva gli attrezzi prima di una battuta di pesca, ha lasciato partire inavvertitamente un colpo dal suo arpione.

La lancia gli ha trapassato l’occhio sinistro e si è conficcata nel suo cervello per ben 15 centimetri di profondità. Nonostante il dolore e l’emorragia, Bruno non ha perso conoscenza, non ha accusato problemi di nessun tipo e si è tenuto l’arpione conficcato nel cervello per tutta la notte. Solo il giorno seguente, davanti allo sguardo terrorizzato di un amico, ha deciso di andare in ospedale. Ci è andato da solo, camminando, tanto che i medici non credevano a quel che vedevano.
Naturalmente è stato subito ricoverato e operato d’urgenza. L’occhio sinistro è perduto per sempre, ma per miracolo il cervello ferito non ha riportato danni permanenti e comunque nulla che renda invalida la vita di questo fortunatissimo signore.

admin

x

Guarda anche

Seu, no al latte crudo ai bambini

L’infezione Seu torna a fare paura in Puglia. Nelle scorse settimane, infatti, altri due bambini, ...

Condividi con un amico