Home » Benessere » Psicologia: sentirsi vecchi fa invecchiare prima e peggio

Psicologia: sentirsi vecchi fa invecchiare prima e peggio

La vecchiaia non è solo un fenomeno fisico inevitabile, dovuto al naturale declino del corpo umano. Esso può anche essere un evento psicologico, un fattore di autosuggestione e avere così effetti diretti anche sul fisico. A dirlo è uno studio britannico che ha analizzato un campione di uomini e donne over 60, tutti pensionati.

Simili in tutto, nella salute fisica, negli interessi, nello stato sociale, queste persone si differenziavano però nel modo di percepire la propria età: alcuni si ritenevano anziani, ma con spirito giovanile e tante cose nuove da affrontare durante la pensione; altri si ritenevano vecchi e inutili e prendevano la pensione come la fine della loro vita.

Lo studio ha evidenziato come questi ultimi sviluppassero malattie geriatriche, o degenerative, o perfino in cancro in misura maggiore rispetto a quelli che si “sentivano giovani”. Il problema è che le persone che si sentono vecchie dentro, si comportano come tali anche di fuori: smettono di uscire, di divertirsi, di muoversi. Invece le persone che si tengono sempre attive, nel corpo e nella mente (come è successo per Rita Levi Montalcini o Indro Montanelli, come succede per Dario Fo e per il fotografo Phil Stern che gira tutt’ora il mondo a 92 anni e con l’ossigeno al naso!) riescono a vivere una vita dinamica e a rimanere in buona salute fino all’ultimo giorno della loro vita. E per cominciare a pensare “giovane” occorre imparare a farlo fin da giovani. Un piccolo monito a tutti quei trentenni che guardano già con nostalgia ai 21 anni senza ragione!

admin

x

Guarda anche

L’età giusta per diventare mamma? La rivincita delle 40enni

Donne che diventano mamme sempre più avanti negli anni. Secondo una recente indagine dell’European Hospital ...

Condividi con un amico