Home » Benessere » Ansia da convivenza. Paura del futuro o del passato?

Ansia da convivenza. Paura del futuro o del passato?

L’argomento è stato discusso su un forum partendo dal problema di una giovane donna, bloccata due volte al momento di andare a vivere con il ragazzo che ama da anni. Ansia da convivenza che potrebbe tradursi anche in ansia da matrimonio (questa più frequente negli uomini, che nelle donne) e che potrebbe nascondere paure ben diverse da quella della nuova esperienza in una casa nuova.

Nel caso sopra descritto, la ragazza desiderava tanto la convivenza al punto da sentirsi triste quando tornava nella casa dei suoi genitori. E tuttavia al momento di concretizzare il trasloco si bloccava e rinunciava. Con la famiglia aveva un rapporto ottimo, che forse non voleva recidere … allora perchè si sentiva triste nella casa dei suoi?
Forse questo tipo di ansia, più che una paura del futuro e dell’evolversi delle cose, è un segnale di allarme legato a problemi non risolti relativi al passato. Non ad un passato remoto, anche molto immediato. “Rapporto splendido con i genitori” che tuttavia trasmettono un dissenso silenzioso alla convivenza, che viene recepito dalla ragazza? Casa vista come “luogo sicuro” che impedisce un distacco dalle radici? Ma potrebbe anche trattarsi di un sano istinto di conservazione che ci impedisce di fare un passo considerato pericoloso per certi sintomi che il cervello cattura prima dell’occhio. Forse la soluzione può essere una lunga vacanza in coppia, un periodo di simil-convivenza con la certezza che -se qualcosa non va- si torna sempre a casa, alla fine.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché ballare ci mantiene giovani

Ballate, ballate…. e non fermatevi mai. Nemmeno davanti agli acciacchi dell’età, anzi, a maggior ragione. ...

Condividi con un amico