Home » Benessere » Nuova Aviaria: ci sarebbe il primo caso di contagio uomo-uomo

Nuova Aviaria: ci sarebbe il primo caso di contagio uomo-uomo

Il British Medical Journal, che ne dà notizia tra i primi, ci va molto cauto. Nessun allarme, stiamo a vedere, troppo presto ancora per parlare … tuttavia se ne parla. Il nuovo virus dell’influenza Aviaria, manifestatosi per la prima volta l’anno scorso in Cina e finora relegato al contagio pollame-uomo, quest’oggi pare sia passato da uomo a uomo.

Pare, appunto, perchè bisogna evitare gli allarmi facili -dopo la “falsa Pandemia” del 2009- e anche se in Cina la notizia è su tutte le prime pagine meglio accertare prima tutti i fatti. Il contagio sarebbe avvenuto nella città di Nanjing, tra un uomo di 60 anni, e la figlia di 32 anni. L’uomo non era un allevatore di polli e nulla aveva a che fare con gli animali, salvo ogni tanto la frequenza di un mercato di selvaggina locale. Possibilmente ha preso il virus da uno di questi animali, spesso tenuti ancora vivi sulle bancarelle, ma poi lo avrebbe passato alla figlia che quel mercato non lo frequentava mai.

L’uomo si è ammalato di un’influenza che richiamava molto quella famosa H7N9, il nuovo virus Aviaria, ed è morto un mese dopo. La figlia si è ammalata dopo appena due settimane, probabilmente assistendo il padre in ospedale. Le analisi avrebbero confermato il contagio col virus, resta da chiarire se davvero il virus sia passato da padre a figlia (primo caso di trasmissione umana in assoluto) o se si sia trattato di una coincidenza. Attualmente l’epidemia sembra essersi fermata, ma se non si tengono d’occhio casi come questo potrebbe ripresentarsi e diffondersi, favorita anche dal clima freddo dell’inverno che garantisce al virus una resistenza maggiore.

admin

x

Guarda anche

Come fare una dieta sana grazie alle “pause”

L’Università della Tasmania (Australia) ha condotto uno studio molto interessante su un nuovo criterio di ...

Condividi con un amico