Home » Benessere » Giovane "mamma coraggio" chiede chirurgia sperimentale per salvare la figlia

Giovane "mamma coraggio" chiede chirurgia sperimentale per salvare la figlia

Ci sono storie in cui la realtà supera la fantasia e la straccia in mille pezzi. Chiunque avesse scritto la trama della vita di Angela si sarebbe sentito dare del matto da qualunque editore, invece è storia vera. Angela, 26 anni, bellissima, sposina fresca. Di ritorno dal viaggio di nozze subisce un’emorragia cerebrale. Corsa in ospedale, tentativi dei medici di salvarla … alla fine sopravvive, ma l’ennesima botta l’attende al risveglio.

L’emorragia è stata causata da un tumore al cervello che non le lascia molta scelta. Deve operarsi e fare la chemio. Ma in tutto ciò, Angela scopre di essere incinta e rifiuta qualsiasi cura possa mettere in pericolo il bambino. Rifiuta l’aborto e la possibilità di vivere e decide che il bambino -nel frattempo divenuto una bambina- dovrà nascere costi quel che costi. Ma quando sei giovane non puoi accettare di morire, e infatti Angela non vuole sacrificarsi. Vuol vederla crescere, sua figlia, vuole ESSERCI.

Viene a sapere che in Puglia si sta valutando l’utilità e l’efficacia di un tipo di chirurgia sperimentale robotizzata chiamata “cyberknife”, coltello cibernetico. Si tratta di un modo di operare talmente diretto e preciso che potrebbe rimuovere il tumore dal suo cervello in profondità, senza danneggiare la piccola che porta in grembo e senza doverla bombardare di troppe cure chimiche. Un intervento che comunque sarebbe costosissimo, anche se la Puglia ne approvasse l’uso in fretta, e per questo Angela chiede aiuto. Chiede di fare uno strappo alla regola, di farlo per la sua bambina e nel nome della vita. La richiesta, oltre che al presidente Vendola, è stata inoltrata anche a papa Francesco, nel nome di quella bimba che se nascerà si chiamerà Francesca Pia.

admin

x

Guarda anche

Bimba nata grazie a trasfusione “in utero”

Se pensavate che i gruppi sanguigni sono “solo cinque” (A, B, AB, 0RH+, 0RH- )state ...

Condividi con un amico