Home » Benessere » Malaria: un allarme sempre attivo

Malaria: un allarme sempre attivo

Vi diamo solo alcune cifre: 500 milioni di nuovi casi ogni anno in tutto il mondo, con 3 milioni di morti, di cui moltissimi bambini. E non occorre arrivare nell’Africa equatoriale per correre il rischio, infatti la scorsa estate è morto un bambino italiano dopo una vacanza all’estero. Parliamo della malaria, la malattia parassitaria più diffusa e mai sconfitta.

Non la viviamo come un problema perché è più diffusa nei Paesi poveri e sembra non dover toccare le nostre vite da vicino, ma la carenza di profilassi e di prevenzione, proprio in questi Paesi rende questa malattia un allarme sempre attivo per tutti. Trasmessa dalle zanzare Anopheles, per mezzo dei parassiti plasmodi, causa febbre alta, delirio ed è recidiva. Può infatti ripresentarsi nel tempo.
Il dramma di questa malattia è anche che si diffonde nel sangue, sangue che può essere succhiato da altre zanzare e così il contagio diventa incontrollabile. Esistono oltre cento ceppi di plasmodi, questo significa che non si conosce una cura uguale per tutti. Unica soluzione, tenere a bada i sintomi con i farmaci e applicare tutte le forme di prevenzione: zanzariere, creme anti zanzare, ma anche medicine adatte a tenerla lontana. Se possibile, evitare i viaggi nei luoghi esotici dove la malattia è più diffusa e comunque prima di partire informarsi per bene presso le ASL e i siti dei ministeri.

admin

x

Guarda anche

SIDS: tra le cause l’eccesso di serotonina

L’eccesso di serotonina potrebbe essere la causa della Sindrome della morte in culla. Ad ipotizzarlo ...

Condividi con un amico