Home » Benessere » Ex soldato ottiene pensione privilegiata: si ammalò durante il servizio militare

Ex soldato ottiene pensione privilegiata: si ammalò durante il servizio militare

Partire a 20 anni per servire il Paese, con tutta la forza della giovinezza e tornare debilitato e con la vita segnata per sempre. E’ successo a un ragazzo siciliano, di Agrigento, di cui non sono rese note le generalità (lo indicheremo come A.V.). Chiamato per il servizio militare, ha contratto una malattia respiratoria (asma bronchiale allergica) proprio durante il periodo di ferma, subendo pure diversi ricoveri.

Dopo il congedo, la malattia ha continuato ha tormentarlo al punto che la famiglia del ragazzo ha chiesto un riconoscimento della dipendenza da causa di servizio della patologia in questione, con relativo risarcimento per lo meno per sostenere le cure mediche. Dal 2002 al 2007 una lunga battaglia legale aveva portato alla esclusione di qualsiasi nesso causale tra servizio militare e asma bronchiale e il Ministero della Difesa rifiutava la concessione di una pensione di invalidità.

A.V. allora ha fatto ricorso alla Corte dei Conti, per mezzo degli avvocati Girolamo Rubino e Monica Di Giorgio, chiedendo almeno il riconoscimento del diritto alla pensione privilegiata. Ieri la Corte ha accolto il ricorso, ha confermato il suo diritto alla pensione privilegiata e ne ha disposto il pagamento -inclusi arretrati- a partire dal 2002. Dodici anni per avere una risposta, dodici anni per ottenere giustizia ma alla fine la lieta conclusione di una vicenda che purtroppo non è isolata, basti pensare alle tante cause molto più gravi legate all’esposizione a uranio impoverito dei nostri soldati in missione.

admin

x

Guarda anche

SIDS: tra le cause l’eccesso di serotonina

L’eccesso di serotonina potrebbe essere la causa della Sindrome della morte in culla. Ad ipotizzarlo ...

Condividi con un amico