Home » Benessere » Abortire con i farmaci anti-ulcera: la nuova moda pericolosa

Abortire con i farmaci anti-ulcera: la nuova moda pericolosa

Le donne tornano ad abortire da sole. Lo fanno per diverse ragioni: mariti violenti, sfruttatori che le schiavizzano, paura delle reazioni delle famiglie ma anche per la sempre più drammatica situazione degli ospedali europei, e italiani in particolare, dove 9 medici su 10 si dichiarano “obiettori di coscienza” e si rifiutano di eseguire aborti.

Il risvolto assurdo è che sempre più donne si impegnano a trovare soluzioni alternative, come per esempio l’uso di farmaci curativi per l’ulcera come mezzo abortivo. Una follia pericolosa. Molti dei farmaci usati contro l’ulcera, infatti, possono avere effetti collaterali pesanti già per chi li usa con criterio. Ma, ad esempio, una medicina come il Cytotec, se assunto ad alti dosaggi e in assenza di ulcere da curare, può provocare contrazioni uterine. E’ vero che così si ottiene l’espulsione del feto ma a che prezzo?

A Genova e in buona parte del Nord pare che sia ormai una pratica diffusa. In particolare tra le ragazze straniere, tra le prostitute, ma anche tra molte adolescenti italiane che non trovano medici disponibili per aiutarle. Si imbottiscono di Cytotec e rischiano di morire, come una giovane donna di 24 anni ricoverata già decine di volte in ospedale. Il principio attivo di questo medicinale, il misoprostolo, è registrato anche con altri nomi come Artrotec, Misodex, Misofenac. Deve essere assunto solo su prescrizione medica e solo in presenza di gravi casi di ulcera gastrica, usarlo liberamente e per abortire è un rischio troppo elevato che va assolutamente fermato.

admin

x

Guarda anche

Sì allo sport anche per bambini affetti da malattie croniche e disabilità

Tutti i bambini dovrebbero fare sport, nessuno escluso, così da trarre beneficio dall’attività fisica e ...

Condividi con un amico