Home » Benessere » Lettini abbronzanti per curare la psoriasi? Sbagliato e pericoloso

Lettini abbronzanti per curare la psoriasi? Sbagliato e pericoloso

Lettini e lampade abbronzanti usate per curare la psoriasi? E’ la nuova moda americana ma è una moda che fa male e che non va assolutamente imitata. La psoriasi, nota malattia infiammatoria che colpisce la pelle con derivazioni -anche dolorose- alle articolazioni, causa la progressiva “esfoliazione” della pelle e delle macchie antiestetiche che spesso condizionano la vita della persona. Per combatterla, oltre ai trattamenti chimici, c’è la fototerapia.

La fototerapia è un trattamento a base di irradiazioni di luce (sia quella naturale, solare, sia quella artificiale) che può dare molto sollievo al paziente malato di psoriasi oltre ad avere grandi benefici sulle parti colpite. Ottima per curare tutti i livelli di gravità della malattia, la fototerapia dura circa 30 minuti per volta, va fatta tre volte la settimana e per circa tre mesi prima di vedere i risultati. In alcuni casi la malattia può andare in completa remissione, cosa che naturalmente incoraggia molte persone a tentare. Il problema è che i centri abilitati per la fototerapia artificiale sono pochi e spesso non si trovano nelle vicinanze. Così, negli USA, si sta diffondendo l’idea che si possano sostituire con i lettini abbronzanti nella palestra sottocasa.
Nulla di più sbagliato e pericoloso. I lettini abbronzanti sono nati per altri scopi, sono pensati per una pelle sana e soprattutto ultimamente stanno facendo parlare di sé in negativo. L’abuso di irradiazioni abbronzanti infatti è una delle prime cause di tumore alla pelle, malattia in drammatico aumento ovunque. Usare i lettini abbronzanti per curare la psoriasi è la scelta peggiore che si possa pensare. Meglio fare qualche sacrificio e recarsi nei centri appositi, seguiti da specialisti in gamba, e uscire guariti piuttosto che fare di testa propria e trovarsi con la psoriasi al punto di partenza e con, in più, un melanoma.

admin

x

Guarda anche

Sì allo sport anche per bambini affetti da malattie croniche e disabilità

Tutti i bambini dovrebbero fare sport, nessuno escluso, così da trarre beneficio dall’attività fisica e ...

Condividi con un amico