Home » Benessere » Sclerosi Multipla: tornano in piazza le mele dell'AISM

Sclerosi Multipla: tornano in piazza le mele dell'AISM

In tempi di chef e di trasmissioni culinarie, un nome come Alessandro Borghese è una bella garanzia. Giovane maestro di cucina, famoso sia in Italia che all’estero per la sua originalità, chef Borghese presterà il proprio volto e la propria abilità per una causa benefica come quella de “La Mela di AISM” in favore della ricerca sulla Sclerosi Multipla.

Di questa malattia, in Italia, soffrono 72.000 persone molte delle quali giovani. Una malattia che ha vari livelli di gravità, varie forme, ma che non ha una cura nè una origine ben conosciuta. E come sempre per aiutare la ricerca, ma anche per informare la gente, l’iniziativa “La Mela di AISM” tornerà nelle piazze italiane oggi e domani, 11 e 12 ottobre, con centinaia di volontari ai gazebo ed esperti pronti a rispondere alle domande o a trattare problemi di chi già vive con questa malattia in casa. Domande e risposte si troveranno anche sul sito di AISM e sul nuovo blog che riguarda i giovani.

Proprio ai giovani è dedicata l’attenzione speciale di Chef Borghese che ha deciso di dedicare a loro alcune ricette. Non solo i testi, però, anche il tempo per insegnare loro a cucinarle. La differenza tra due mondi opposti, la cucina dove regna la fantasia e dove -dice lo chef- “si può sempre improvvisare”, cosa che invece non si può fare con una malattia come la sclerosi multipla. Cucinare e gustare il cibo è anche un bel modo per far sentire vivi e attivi i malati di SM, che spesso si defilano dal mondo per paura di non controllare più il proprio corpo. “La Mela dell’AISM” nasce sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, è promossa da AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla e dalla sua Fondazione – e dalla FISM con il patrocinio di Pubblicità Progresso Fondazione per la Comunicazione Sociale.

admin

x

Guarda anche

SIDS: tra le cause l’eccesso di serotonina

L’eccesso di serotonina potrebbe essere la causa della Sindrome della morte in culla. Ad ipotizzarlo ...

Condividi con un amico