Home » Benessere » L'inquinamento uccide la pelle, ma non a Cagliari

L'inquinamento uccide la pelle, ma non a Cagliari

Uno studio realizzato dal dermatologo Wei Liu, del China Air Force General Hospital di Pechino, ci rivela qualcosa che già sospettavamo. L’inquinamento dell’aria invecchia precocemente la pelle. E non solo quella delle donne. Chi meglio di un abitante di Pechino poteva dirlo, dato che la capitale cinese è ormai soffocata da quintali di gas di scarico al punto di vivere sempre avvolta da una nebbia tossica.

Lo studio del dottor Wei Liu ha analizzato 200 donne tra i 30 e i 45 anni di età, simili per modo di vivere e per storia familiare, ma suddivise tra contadine e cittadine. La differenza si è notata immediatamente, come detto, proprio nello stato di salute della pelle che è risultata molto più invecchiata nelle donne residenti in città, rispetto a quelle che vivevano nelle zone rurali.
Le particelle di inquinamento presenti nell’aria (oltre 244 sostanze diverse) penetrano nella pelle e non riescono più ad uscirne, bloccando di fatto la traspirazione con una sorta di “patina” che toglie ossigeno all’epidermide facendone morire le cellule più velocemente. Correre ai ripari è d’obbligo perchè non si tratta solo di una questione estetica, una pelle malata porta anche malattie e il cancro è sempre in agguato. La situazione cinese è veramente grave, Pechino risulta essere tra le città più inquinate al mondo. Buone notizie per l’Italia. Secondo l’OMS, tra le più pulite e vivibili c’è la nostra Cagliari.

admin

x

Guarda anche

Ecco la malattia dei viaggiatori

I sintomi sono facilmente riconoscibili: appena tornati da una vacanza si prenota subito quella successiva; ...

Condividi con un amico