Home » Benessere » Negativi gli esami dell'antropologo di Siena con sospetto Ebola

Negativi gli esami dell'antropologo di Siena con sospetto Ebola

Non è il primo ricoverato per accertamenti, ma si è temuto che potesse essere il primo vero caso di Ebola in Italia, anche se le analisi avrebbero smentito completamente il rischio. Si tratta di un antropologo di Siena, da poco rientrato da un viaggio studio in Africa Occidentale e da uno dei Paesi più colpiti dall’epidemia. Il motivo del ricovero era dovuto a un improvviso e inspiegabile innalzamento della temperatura del suo corpo che ha fatto ipotizzare una forte febbre da infezione.

Dati i recenti trascorsi africani, l’uomo ha chiesto al suo medico curante di chiamare direttamente un ospedale attrezzato per l’emergenza Ebola e così è stato prelevato da un’ambulanza e, in condizioni di totale isolamento, condotto presso il Careggi di Firenze, preparato ad affrontare anche casi di lunga quarantena. Subito sottoposto agli esami del caso, le analisi sono state effettuate da ben due ospedali, dallo Spallanzani di Roma o dal Sacco di Milano.

I risultati, giunti ieri nel tardo pomeriggio, hanno decretato che Ebola non è presente nel sangue dell’uomo e dunque l’allarme è rientrato. Fino ad oggi sono stati diversi i casi di ricovero con sospetto Ebola nel nostro Paese: immigrati di ritorno da visite ai familiari, medici e missionari di ritorno da periodi di lavoro in Africa … tutti hanno avuto il rapido buon senso di segnalare subito eventuali disturbi, per coscienza sociale più che per vero pericolo, e per fortuna tutti sono risultati negativi. Non si sa ancora nulla dei marines americani ricoverati alla base di Vicenza, ma anche lì il ricovero è stato fatto più per scrupolo che per vero allarme.

admin

x

Guarda anche

Allergia al latte, Linee guida per diagnosi e trattamento

In arrivo nuove Linee guida realtive alla diagnosi e al trattamento dell’allergia al latte. Dagli ...

Condividi con un amico