Home » Benessere » Morbillo, una malattia seria con cui gli italiani scherzano troppo

Morbillo, una malattia seria con cui gli italiani scherzano troppo

Lo abbiamo sempre considerato una “malattia dell’infanzia” e forse è stato questo l’errore. Una cosa da bambini, un poco di febbre e quattro puntini rossi sulla pelle. Certo è fastidiosa, ma che vuoi che sia? Sbagliato, invece. Il morbillo è e rimane una malattia seria. Molto seria. Lo sfogo sulla pelle è solo una minima parte delle sue conseguenze e, quelle sì, non sono affatto roba da bambini.

Dovrebbero capirlo i genitori italiani, con la testa ormai piena di ciarlatanerie che parlano di “vaccini pericolosi”, mentre è molto più pericoloso lasciare i bambini scoperti col morbillo in agguato. Ci spiega perchè, ancora una volta, il presidente della commissione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Susanna Esposito, la quale ricorda prima di ogni altra cosa che il morbillo è causato dal virus Paramyxovirus e che è di fatto una malattia infettiva che attacca il sistema respiratorio, e non la pelle.

Non è una cosa da bambini, perchè le conseguenze che può lasciare in corpo sono pesantissime: problemi polmonari, problemi al sistema immunitario, complicazioni che si trascinano negli anni a venire. Una vita intera rovinata perchè “si ha paura del vaccino”? In Italia abbiamo il più alto numero di contagiati per morbillo dell’intera Europa, e questo perchè non si fa il vaccino o il richiamo del vaccino ai bambini. Ricordiamo che il morbillo può essere preso anche dagli adulti che curano i bambini, e che negli adulti ha conseguenze anche devastanti. Avere coscienza di far vaccinare il proprio figlio significa proteggerlo dalla malattia e impedire che lui, per primo, diventi “untore” verso altre persone.

admin

x

Guarda anche

Abbronzatura, veri e falsi miti

La famosa tintarella non è un affare da poco. Ci si prepara per mesi, perché ...

Condividi con un amico