Home » Benessere » Etero convinto, "cacciatore" di gay, si sposa … con un uomo!

Etero convinto, "cacciatore" di gay, si sposa … con un uomo!

Molto spesso, ci insegna la psicanalisi, ci si maschera di ciò di cui si ha paura. Si tenta di allontanare un disagio personale dicendo che non lo si ha, salvo poi scoprire che non era un disagio affatto… ma il tuo modo di essere. Succede così che il leader di un partito che odia i meridionali sposi proprio una donna siciliana, o che chi critica i neri abbia diversi africani tra i propri amici. E chi pretende di poter “guarire i gay” alla fine si sposi, lui stesso, con un omosessuale!

Il signor John Smid, americano di Memphis, era stato per anni il leader di una organizzazione omofoba tra le meglio organizzate e più agguerrite al mondo. La sua “Exodus International” non solo condannava gay e lesbiche ma li invitava a convertirsi, a salvarsi, a lasciarsi curare dal team di esperti che lui stesso avrebbe messo a disposizione. Dall’omosessualità si guarisce, dichiarava convinto, e per questo aveva costretto un ragazzino di 16 anni a seguire una sorta di “campo di formazione” per riportarlo sulla retta via degli etero dopo la sua rivelazione di essere omosessuale.

La storia ebbe anche risvolti sospetti, perché su Smid e i suoi associati pesarono accuse (mai provate) di aver usato violenza al giovanissimo adepto che comunque tornò a casa più gay di prima! Ma la sorpresa non è questa. Domenica 23 novembre, il severissimo convertitore di omosessuali John Smid si è sposato… con Larry McQueen, un uomo. Un omosessuale, proprio come lui. Sconvolto lui per primo, ha dichiarato che “sono arrivato a capire che la mia relazione con Larry è lo specchio con il quale mi vedo ogni giorno”. Ora si sente felice, realizzato, e se qualcuno lo portasse a fare un “campo di formazione” per tornare etero forse lo manderebbe a quel paese senza pensarci due volte. I grandiosi misteri della vita…!

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’orgasmo è una “bella malattia”

L’orgasmo? Chi non farebbe i salti mortali per provarlo, come si deve, almeno una volta ...

Condividi con un amico