Home » Benessere » Infermieri robot: fantasia o realtà?

Infermieri robot: fantasia o realtà?

Si parla ormai con insistenza della possibile introduzione, in corsia, di veri e propri “infermieri robot”. Una prospettiva che ha fatto sorgere in molti un timore fondato. Sarà in grado, una macchina, di capire i problemi di un paziente? Saprà interagire con lui o con lei, assisterlo nei suoi bisogni, rassicurarlo? Il contatto umano è importante e l’idea di un infermiere robot non va giù tanto facilmente. Ma gli esperti rassicurano: non è come sembra.

Non si tratta di robot che prenderanno il posto degli infermieri ma di macchinari che ne controlleranno meglio l’operato. I nostri bravissimi infermieri sono, spesso, oppressi da turni massacranti e in quello stato è sempre più facile commettere errori. Un robot come assistente, invece, impedirà tutto questo con un notevole risparmio di risorse e con meno rischi di “casi di malasanità”. Il robot aiuterà l’infermiere a fare le giuste prescrizioni di medicine, a non sbagliare codici ed etichette, a monitorare i pazienti. Un aiuto, insomma, e pure prezioso.

Finora il primo esperimento italiano è quello che si sta conducendo in Sardegna, presso l’ospedale universitario di Cagliari. L’azienda acquista i vari farmaci, li registra, li programma nel software del piccolo computer-robot e quando all’infermiere, o al medico, serve una determinata medicina basta che spedisca l’ordine elettronico e la macchina la recupererà per lui. Se ci fosse un errore qualsiasi nel codice, verrebbe segnalato e si eviterebbero dunque disguidi e drammatiche sviste. Il tutto velocizzerà anche il lavoro in corsia, per un grande beneficio dei pazienti stessi.

admin

x

Guarda anche

Allergia al latte, Linee guida per diagnosi e trattamento

In arrivo nuove Linee guida realtive alla diagnosi e al trattamento dell’allergia al latte. Dagli ...

Condividi con un amico