Home » Benessere » Da Harvard, i "vaccini 3D" contro cancro e AIDS

Da Harvard, i "vaccini 3D" contro cancro e AIDS

Un vaccino contro i tumori? Il sogno di tutti che si realizza, se fosse confermato lo studio che sta portando avanti Harvard con le sue facoltà di medicina e ingegneria. Siamo ancora agli albori del progetto e non ci sono certezze, ma la strada intrapresa lascia intravedere speranza. L’obiettivo è sempre quello di sconfiggere la capacità della cellula tumorale di ingannare il sistema immunitario e di proliferare indisturbata. Lo stesso processo caratterizza le malattie infettive e di questi tempi, con Ebola, ne sappiamo qualcosa!

Lo studio, pubblicato su “Nature Biotechnology”, parla del lavoro che si sta facendo per trovare un vaccino 3D in grado di fermare questi processi nocivi. In pratica si tratta di iniettare una materia biologica programmabile che, una volta nel corpo, si assembla nella forma tridimensionale voluta e in tal modo va a dare forza e sostanza alle cellule immunitarie. Così rinforzate, queste saranno di nuovo in grado di difendersi e di aggredire il nemico. L’iniezione avviene appena sottopelle e la materia biologica, riempita di medicinale, va ad agire solo dove è richiesto, salvando le cellule sane.

I primi risultati sui topi sono stati più che buoni e anche se non ancora perfetti possono certamente indicare che la via è quella giusta. I vaccini 3D potrebbero diventare presto un’arma anche contro il virus Hiv. Inoltre, dice il leader dei ricercatori dottor Mooney, questo tipo di vaccini si produce velocemente e facilmente, dunque non costeranno nemmeno tanto sul mercato. Potranno essere usati sia sui malati ma soprattutto sui sani, per rendere le cellule inattaccabili e permettere di evitare direttamente la malattia.

admin

x

Guarda anche

Ecco il “tatuaggio dottore” che controllerà la nostra salute

Se amate i tatuaggi e volete veramente essere originali dovrete assolutamente provarlo! Se non li ...

Condividi con un amico