Home » Benessere » In Umbria, posti letto ospedalieri ricavati dagli uffici

In Umbria, posti letto ospedalieri ricavati dagli uffici

Sanità in piena crisi per colpa dei tagli, ospedali sempre più pieni di disservizi… compreso l’indecoroso spettacolo dei malati del Pronto Soccorso parcheggiati nei corridoi per mancanza di posti letto. Qualcuno ha deciso di dire “basta!” e di fare qualcosa, nonostante le difficoltà. A queste persone va reso molto merito, e parliamo in questo caso dell’Ospedale Santa Maria di Perugia, in Umbria.

Il direttore generale, dottor Walter Orlandi, ha deciso di adibire a stanze da letto anche gli uffici. Considerato che il lavoro delle cosiddette “scartoffie” ormai è quasi tutto relegato a un computer, si può benissimo fare occupando il minimo spazio e tutti quegli uffici, spesso inutilizzati, possono invece ospitare le persone che attualmente devono giacere sulle barelle nei corridoi sovraffollati dei reparti. Facendo un rapido calcolo si è visto che si potranno recuperare 40 posti letto, non tantissimi ma già qualcosa. A occuparsi della gestione di questo progetto sarà la locale USL1 che provvederà ad assegnare anche l’assistenza specifica per ognuno.
I nuovi posti letto ricavati dagli uffici andranno ad aggiungersi ai 148 già presenti nella struttura e verranno usati per accogliere i pazienti più gravi. La USL1 dell’Umbria non è nuova a questi progetti e in passato si era già impegnata per l’ammodernamento e la trasformazione in meglio di altri ospedali della regione.

admin

x

Guarda anche

Allergia al latte, Linee guida per diagnosi e trattamento

In arrivo nuove Linee guida realtive alla diagnosi e al trattamento dell’allergia al latte. Dagli ...

Condividi con un amico