Home » Benessere » Super batteri: entro il 2050 faranno 10 milioni di morti

Super batteri: entro il 2050 faranno 10 milioni di morti

Ci ucciderà più il cancro o l’infarto? Buone notizie… nessuno dei due. Brutte notizie … saranno i batteri a far strage di noi entro il 2050. La visione catastrofica ma abbastanza realista viene dagli esperti medici ed economisti dell’OMS che hanno vagliato il quadro generale mondiale e hanno puntato il dito contro i “super batteri” che noi stessi abbiamo reso resistenti a qualsiasi cura per colpa dell’abuso che facciamo di certi farmaci.

Lo abbiamo detto più volte, ora le analisi mondiali lo confermano: il nostro vizio di curare tutto, anche il raffreddore più banale, con potenti antibiotici ha fatto sì che i batteri sviluppassero -per reazione- una generazione completamente assuefatta, per la quale l’antibiotico è come acqua fresca. Nonostante questi allarmi e i consigli, in Italia si continua ad abusare dei medicinali come se nulla di tutto questo fosse stato detto. E se i farmaci che usiamo oggi non dovessero più avere effetto sulle malattie, un domani non troppo lontano potrebbe ucciderci anche un banale mal di gola!

Pure gli economisti, come il dottor O’Neil di Londra, parlano dell’allarme infezioni da batterio super resistente. Ad oggi, queste infezioni uccidono 700.000 persone ogni anno e il numero è destinato a salire fino a 10 milioni se non si invertirà la tendenza. Il rischio maggiore è per malattie come le infezioni gastrointestinali da batterio E.Coli, e i Paesi più a rischio sono quelli asiatici e africani, ma entro il 2050 -non più lontanissimo- potremmo esserlo tutti. Gli economisti sono preoccupati quanto i medici perchè l’aumento di mortalità, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, mina fortemente l’equilibrio economico mondiale. E tutto questo perchè … non riusciamo a sopportare nemmeno un giorno di febbre senza imbottirci di pillole?

admin

x

Guarda anche

Pubertà precoce e maggior rischio tumori

La pubertà potrebbe esporre ad un maggior rischio tumori. La notizia arriva da uno studio ...

Condividi con un amico