Home » Benessere » Gli "energy drink" che avvelenano i bambini

Gli "energy drink" che avvelenano i bambini

Gli energy drink, le bevande che ci danno forza per affrontare sforzi fisici e gravi impegni mentali, sono molto utili e diffuse nelle palestre e nei distributori in generale. Per noi adulti sono un toccasana che spesso ci aiuta a risolvere la giornata. Ma per i bambini sono altrettanto utili? La American Heart Association ci dice di no e ci mette in guardia con prove alla mano. Queste bevande spesso contengono sostanze atte per darci una spinta in più, come ad esempio la caffeina.

In una sola lattina di energy drink si può arrivare anche a 150 milligrammi di caffeina, ovvero molto più della dose massima consigliata. Questa dose, per i più piccoli, diventa un pericolo potenziale. Negli Stati Uniti le statistiche sono già una prova: il 40% dei ricoveri per avvelenamento riguarda bimbi che hanno bevuto troppe energy drink e che causavano nei loro giovanissimi organismi accelerazione del battito, problemi di digestione e perfino le convulsioni.
Dal 2010 al 2013, dicono i test e gli studi condotti in America, l’abitudine di far bere ai bambini gli energy drink come bevande di accompagnamento per la merenda, o come medicinale in caso di eccessiva pigrizia, ha fatto sì che siano aumentati di molto i casi di intossicazione. E se si parla di 4 bimbi su 10 è solo perchè non tutti i genitori raccontano la verità al medico e dunque in molti casi non si sa che il problema è nato dall’eccesso di consumo di queste bevande. Premesso che anche noi adulti dovremmo andar piano con questo tipo di bibite, darle da bere ai più piccoli è altamente sconsigliato. Se volete che i vostri bambini assumano energia, date loro da mangiare buona frutta, succhi fatti in casa, banane, latte e qualche volta un po’ di cioccolata.

admin

x

Guarda anche

Allergia al latte, Linee guida per diagnosi e trattamento

In arrivo nuove Linee guida realtive alla diagnosi e al trattamento dell’allergia al latte. Dagli ...

Condividi con un amico