Home » Benessere » Ecco il più facile test per capire se si è a rischio ictus

Ecco il più facile test per capire se si è a rischio ictus

Sempre più precisi e meno invasivi gli esami per capire chi ha la tendenza a soffrire di malattie vascolari, circolatorie e di ictus. Ormai i metodi sono tanti e sempre più facili da eseguire. Come questo messo a punto dalla Kyoto University, in Giappone. Utile per i medici, comodo per i pazienti, può mettere in guardia entrambi sulla probabilità di avere un ictus in futuro.

I soggetti, quasi sempre anziani, vengono sottoposti a un facile test che prevede anche una prova di equilibrio. Chi cade subito ha più possibilità di subire un ictus negli anni a venire. Per essere immuni bisogna riuscire a mantenere la posizione su una gamba sola per almeno 20 secondi senza vacillare. Questo risolve tutti i problemi? Certamente no. Ma dimostra che il paziente ha un cervello ancora sano, in grado di regolarsi da solo, e quindi potenzialmente meno a rischio di emorragie, placche o altri danni ai vasi.

In tutto sono stati analizzati 841 donne e 546 uomini, età media 67 anni, condizioni di salute diverse. Non per forza una persona che mantiene un buon equilibrio è anche sana, ma almeno è sicura di avere un cervello sano. Per contro, si può cadere subito nel test di equilibrio anche se si è sani come pesci. Ciò dimostra che si ha una fibra forte ma forse una salute cerebrale un po’ meno forte. In base ai risultati del test si può agire di conseguenza, magari cambiando la dieta, o consigliandosi col medico sui medicinali da prendere o sospendere.

admin

x

Guarda anche

Ricerca, fertilità maschile messa a rischio dal rumore

La fertilità maschile messa a rischio dal rumore. L’allarme arriva da uno studio condotto dall’università ...

Condividi con un amico