Home » Benessere » Un codice al Pronto Soccorso per le donne vittime di violenza

Un codice al Pronto Soccorso per le donne vittime di violenza

Un codice apposito per le vittime di violenza, al Pronto Soccorso. Per le donne, prima di tutto, ma non solo per loro. L’idea è venuta alla Federazione Aziende Sanitarie che ha deciso di stabilire un codice “bianco-rosa” per le donne, ma anche gli anziani, i bambini, i portatori di handicap vittime di violenza. Emergenze speciali, dove oltre al medico sarà necessaria la presenza di psicologi.

Una decisione all’avanguardia, un’idea molto civile e moderna che finalmente proietta l’Italia in una dimensione più attenta alle vere necessità delle persone più deboli. Un calcolo statistico dice che sono almeno 3 milioni gli italiani che potrebbero subire violenza senza possibilità di difendersi. Quando queste persone vengono attaccate, sessualmente o fisicamente, oltre al danno sul corpo conservano per anni un danno emotivo difficile da curare. Ecco perchè l’aiuto immediato deve partire già dal Pronto Soccorso.

Il dramma è quello che tale nuovo codice rappresenta, ovvero l’aumento degli atti violenti verso soggetti svantaggiati. Le denunce di violenza sono passate in pochi decenni da 2 l’anno a 450 l’anno! E sono ancora tanti, troppi, gli abusi nascosti che vengono tollerati in silenzio. Nei Pronto Soccorso dove sarà valido il codice bianco-rosa saranno presenti anche unità di polizia o carabinieri, pronti a raccogliere eventuali denunce. Si sa, infatti, che molti soggetti che picchiano figli e partner amano cambiare ospedale per non insospettire i medici. Ma se in ogni ospedale sarà attivo il nuovo codice, questi furbi maneschi non potranno più trovare alibi del tipo “è caduta dalle scale”.

admin

x

Guarda anche

Ritrovarsi (vivi) dopo il tumore. La storia che commuove il web

Tra tante notizie di guerra, minacce, pestaggi e femminicidio… ogni tanto ci vuole qualcosa che ...

Condividi con un amico