Home » Benessere » Ingoia una molla, medici veneziani gli salvano la vita

Ingoia una molla, medici veneziani gli salvano la vita

Essere a Venezia e godersi la laguna da dietro i vetri di un ospedale. Non è il massimo della vita, ma per lo meno potrà dire di averla ancora, una vita. Il ragazzo è nato e cresciuto in Brasile e si trovava nella splendida terra dei Dogi per motivi di studio. Indossando una protesi ortodontica, ovvero un “apparecchio” dentale, mentre mangiava ha ingoiato la molla che lo teneva aperto.

Sicuramente si è trattato di un indicente, di qualcosa che si è staccato e ha reso la molla amovibile, cosa che di norma non è. Fatto sta che il giovane ha tentato di “fermare” la molla ingoiando pane ma avendo capito che ormai era in viaggio verso lo stomaco, e temendo il peggio, è corso in ospedale. Preso in cura dal primario di Otorinolaringoiatria dell’ospedale Civile, Sandro Bordin, il giovane è stato sottoposto agli interventi necessari per il recupero della parte meccanica in modo da non avere danni alle pareti dello stomaco. Oggi può dirsi fortunato. La molla in sé non era certamente un pericolo, ma poteva graffiare e causare sanguinamenti o peggio marcire e causare avvelenamenti. Tutto è bene quel che finisce bene, e a Venezia non poteva che essere così.

admin

x

Guarda anche

Ecco la malattia dei viaggiatori

I sintomi sono facilmente riconoscibili: appena tornati da una vacanza si prenota subito quella successiva; ...

Condividi con un amico