Home » Benessere » La polizia indaga sulla "moda" di ammalarsi volontariamente di AIDS

La polizia indaga sulla "moda" di ammalarsi volontariamente di AIDS

Che l’AIDS uccida meno che in passato è una realtà. Che i contagi siano in drastico aumento, anche. Il problema è capire se il contagio si espande per caso (rapporti non protetti occasionali), per ignoranza (nessuno parla più ai giovani di prevenzione) oppure per follia legata a una sorta di distacco psicologico dalla realtà. Alienazione, questa è l’unica spiegazione che possa giustificare i rapporti consenzienti e non protetti con malati di AIDS.

Una moda pericolosa e assurda, diffusasi da qualche tempo e che arriva anche a pubblicizzare la follia sui siti Internet. E la follia consiste nell’offrire “sesso vero e libero”, senza il timore e il fastidio del preservativo. In “cambio” però devi accettare di ammalarti di AIDS. E sono tanti quelli che hanno già accettato. Tante anche le denunce e finalmente si reagisce a questo gioco mortale chiamato “bugchasing” che è partito dagli USA vent’anni fa ed è stato messo allo scoperto dalla trasmissione “Le Iene”. Lo scambio di virus è interpretato come un grande atto d’amore, la condivisione di un dolore, consolata però dall’esperienza di un sesso primitivo.

Il “sogno” però si infrange contro la nuova inchiesta aperta dalla Polizia Postale dell’Emilia-Romagna, a seguito di una segnalazione dalla Procura di Bologna che ha lanciato l’accusa di lesioni gravissime per chiunque accetta questo “scambio” letale. Naturalmente il fascicolo è aperto contro ignoti e in attesa di ulteriori approfondimenti finora si sa che molti di questi siti verranno chiusi e che gli ideatori potranno essere perseguiti dalla legge e correre seri pericoli di incriminazione. Anche per tentato omicidio. Difficile sapere cosa ne sarà dei “riceventi”, coloro che muoiono dalla voglia di essere infettati. Incapacità mentale? Delirio? TSO?

admin

x

Guarda anche

Allergia al latte, Linee guida per diagnosi e trattamento

In arrivo nuove Linee guida realtive alla diagnosi e al trattamento dell’allergia al latte. Dagli ...

Condividi con un amico