Home » Benessere » Ebola: ecco come è cominciato

Ebola: ecco come è cominciato

“L’albero a cui tendevi la pargoletta mano…” è quello che ti ha tolto la vita. Abbiamo scomodato la letteratura italiana per raccontarvi come è cominciato Ebola. Gli scienziati ne sono sempre più sicuri, il primo contagio, il passaggio all’uomo, è avvenuto nel villaggio di Meliandou, in Guinea. Qui il “paziente zero”, un bimbo di 2 anni appena -Emile Ouamouno- sarebbe stato infettato da una colonia di pipistrelli annidati in un albero cavo.

Il bimbo è morto a dicembre, primo di una infinita serie di vittime, proprio nella casa dove i suoi genitori -come molti nel villaggio- si guadagnano da vivere estraendo l’olio di palma. Proprio la produzione di questo olio, che porta a scavare nei tronchi d’albero e attira con l’odore i pipistrelli, avrebbe attirato anche gli animali infetti che hanno avuto il contatto col bimbo. Emile aveva l’abitudine di giocare dentro quel tronco, era il suo rifugio preferito. E lì deve essere stato morso, o forse ha toccato del cibo reso infetto dai pipistrelli o è venuto a contatto con qualcuno degli animali morti.
Lo hanno ipotizzato dei ricercatori tedeschi che ora stanno provvedendo a catturare alcuni di questi pipistrelli della Guinea per capire come è passata la malattia da loro all’uomo e soprattutto se e come si può tentare di batterla alla radice.

admin

x

Guarda anche

Ecco la malattia dei viaggiatori

I sintomi sono facilmente riconoscibili: appena tornati da una vacanza si prenota subito quella successiva; ...

Condividi con un amico