Home » Benessere » Influenza: ora è cominciata davvero

Influenza: ora è cominciata davvero

Come avevamo anticipato, il freddo improvviso degli scorsi giorni ha portato una grande accelerazione del contagio influenzale. I virus, rimasti finora lontani a causa delle temperature primaverili, hanno trovato terreno fertile con il freddo, nei nostri organismi indeboliti dal raffreddore e dagli sbalzi dovuti ai riscaldamenti. Oltre a ciò, le grandi mangiate di questi giorni ci hanno debilitato non poco.

Il sistema di sorveglianza nato appositamente per seguire l’evoluzione dell’influenza del 2015 sta infatti segnalando almeno 132.000 persone a letto proprio in questo momento, mentre leggete. O meglio, questi dati sono aggiornati al 21 dicembre, quindi oggi saranno appena un po’ più cresciuti ma il numero si aggira su quella cifra. Sicuramente si arriverà a superare i 200.000 entro la fine di gennaio. In generale, dall’inizio dell’autunno a oggi si parla di 600.000 persone costrette a letto, ma solo un quarto di loro è colpito dalla vera influenza.
Gli altri stanno solo combattendo con raffreddori intensi o con virus parainfluenzali. I più colpiti, come sempre, sono i bambini piccoli, in età da scuola materna ed elementare. Tra loro si diffondono i primi attacchi influenzali che poi entrano nelle case e colpiscono anche gli adulti. Complici della diffusione anche i cenoni, le giocate a tombola e gli scambi di auguri, nonché le serate di piazza per la notte di San Silvestro. Il picco massimo dell’epidemia è previsto per l’inizio di febbraio.

admin

x

Guarda anche

Vacanze finite: come affrontare stress da rientro

Affrontare nel modo giusto lo stress da rientro è fondamentale per rientrare nella routine quotidiana ...

Condividi con un amico