Home » Benessere » Ecco come un enzima impedisce la replicazione del virus HIV

Ecco come un enzima impedisce la replicazione del virus HIV

Se il nemico è più forte di te, devi mettere in campo tutte le tue energie e tutte le idee per batterlo. Il virus HIV che genera l’AIDS è un nemico potentissimo, perchè si mimetizza e cambia forma. Non si lascia riconoscere e catturare, meno che mai abbattere, né dalle difese umane né dalle medicine. Una sfida per la ricerca che dura da più di 30 anni ormai. Un’idea che sembra funzionare, l’ultima in ordine di tempo, pare l’abbia avuta la Temple University, negli Stati Uniti.

Intervenendo direttamente a livello genetico, i ricercatori pare siano riusciti a rimuovere quella parte di DNA che aiuta il virus a replicarsi e a mutare, disattivando di fatto la migliore arma dell’AIDS. La malattia ormai è sotto controllo da anni, non uccide più come una volta. Un malato di AIDS, oggi, può vivere a lungo sebbene condannato ad essere legato a medicinali per tutta la sua esistenza. Dunque, se il virus non si può sconfiggere, si può almeno controllare. Ma se davvero si fosse trovato il modo di fermare la replicazione del virus si avrebbe un risultato finalmente definitivo.

A quanto pare, la squadra della Temple ha usato un enzima “detective” per scovare la parte di DNA attaccata dal virus HIV. Con lo stesso enzima ha poi tagliato la sequenza, impedendo quindi al virus di raggiungere l’altra “sponda” per continuare a replicarsi, di fatto fermando questo processo. Bisogna ora vedere se l’uso di questo enzima (che si chiama EDITOR) è valido per tutti i tipi di organismo o solo per alcuni, se può agire sul DNA di tutti o solo su alcuni e se ha effetto solo per alcuni bersagli specifici o per più tipi di cellule.

admin

x

Guarda anche

Bebè riconoscono volti già nel pancione

I bebè riconoscono i volti già nel pancione. A sostenerlo è una ricerca condotta dalle ...

Condividi con un amico