Home » Benessere » Inquinamento in corpo: si riduce la misura del pene

Inquinamento in corpo: si riduce la misura del pene

L’involuzione della specie comincia in Inghilterra, ma riguarda tutto il mondo. Il mondo maschile soprattutto, ma anche quello femminile che fa dipendere da questo il proprio bisogno sessuale e la riproduzione. L’organo sessuale maschile si sta accorciando sempre più. Ecco l’allarme che arriva dall’Inghilterra e che viene confermato da tutti gli specialisti del mondo, inclusi quelli italiani. Che sta succedendo all’uomo moderno?

Di solito le strutture del pene, i corpi cavernosi, subiscono una riduzione dopo i 50 anni perchè perdono il supporto ormonale che li rendeva elastici e vivi in gioventù. Ma la riduzione che si sta notando nelle giovani generazioni ha poco a che vedere con il progredire dell’età, e tanto a che vedere invece con l’aria che respiriamo fin dalla nascita. Nell’aria, nell’acqua, nel cibo, ormai le sostanze chimiche sono presenti sempre e in particolare i bifenili e il bisfenolo disturbano l’equilibrio ormonale. Si tratta di sostanze presenti nei materiali plastici che passano nell’ambiente con l’inquinamento e da lì passano nel corpo umano.

La conseguenza peggiore che possono portare è il cancro, ma quando vengono assimilate nel nostro DNA si trasmettono, anche da sani, di generazione in generazione e i cambiamenti li portano negli anni. E i risultati si stanno vedendo sul pene dei giovani moderni. Nel XIX secolo e fino ai primi anni del XX, gli uomini avevano l’organo sessuale due centimetri più lungo rispetto ai maschi moderni. E se si confrontano anche oggi i ragazzi di 18 anni con gli ottantenni e i novantenni, nonostante la nota riduzione da andropausa, quello dei nonni risulta sempre più lungo. I giovani di oggi, tra stress, inquinamento, cattiva alimentazione, sedentarietà stanno manifestando una vera e propria involuzione, da quel punto di vista. E i risultati di alcune ricerche non lasciano tranquilli, perchè anche su alcuni quarantenni si registra questo “accorciamento”, segno che ormai è un problema genetico confermato e che potrebbe essere trasmesso ai figli, in misura di ulteriori centimetri mancanti.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché l’orgasmo è una “bella malattia”

L’orgasmo? Chi non farebbe i salti mortali per provarlo, come si deve, almeno una volta ...

Condividi con un amico