Home » Benessere » Se Twitter rivela il rischio di infarto …

Se Twitter rivela il rischio di infarto …

Twitter ha tante funzioni: ci fa comunicare, ci permette di organizzare eventi, ci fa capire se e quando moriremo di infarto! Non è uno scherzo ma una ricerca seria dell’Università di Pennsylvania. Noi non ce ne rendiamo conto, ma i dati che scambiamo col mondo e con gli amici, tramite Twitter possono far capire a un medico esperto che rischio di malattia cardiaca abbiamo.

L’Università della Pennsylvania ha analizzato alcuni utenti di Twitter (su tutto il territorio nazionale) e i dati che rivelavano usi e vizi della loro vita, creando vere e proprie mappe del loro rischio cardiaco. Stress, ansia, fatica, alimentazione … basandosi su questi parametri è stato possibile prevedere, non nel dettaglio ma in generale, quali zone degli USA fossero più a rischio infarto per la popolazione. E i dati avevano visto giusto.
Nelle contee i cui utenti Twitter mostravano post rilassati e felici, la mortalità per infarto era effettivamente minore. Al contrario, laddove prevalevano i post di gente stressata si registravano molti più infarti e altre malattie cardiache. Questo nuovo metodo di analisi permetterà in futuro anche al Ministero di tener sotto controllo la popolazione in modo migliore e chissà che l’analisi non possa estendersi anche a Facebook, una volta tanto usato per motivi importanti e non per test senza senso.

admin

x

Guarda anche

Allergia al latte, Linee guida per diagnosi e trattamento

In arrivo nuove Linee guida realtive alla diagnosi e al trattamento dell’allergia al latte. Dagli ...

Condividi con un amico