Home » Benessere » Leucemia linfoblastica acuta: speranze dagli USA

Leucemia linfoblastica acuta: speranze dagli USA

E’ il cancro dei bambini, uno tra i più diffusi in età infantile. Una forma acuta di leucemia linfoblastica denominata “ALL”. Purtroppo è una malattia rapida, che progredisce in fretta e accumula un eccesso di cellule linfociti nell’organismo e ha un decorso quasi sempre drammatico (sopravvive solo il 20%). Una speranza potrebbe venire dagli USA, da uno studio condotto presso il Children’s Hospital di Los Angeles.

Qui i ricercatori hanno lavorato su una possibile terapia che avrebbe degli effetti incoraggianti sui tumori farmacoresistenti e dunque forse anche su questo tipo di leucemia aggressiva. Infatti, oltre a limitare i danni della malattia, rinforza le difese del corpo e quelle fornite tramite i farmaci in uso, come chemioterapia e radioterapia. Finora si è testato solo sui topi di laboratorio ma il procedimento potrebbe funzionare anche sull’uomo. La terapia utilizza cellule prelevate dallo stesso soggetto malato.

Esiste una proteina chiamata TRAIL, prodotta dalle cellule del sistema immunitario, che si lega a dei recettori che portano alla morte cellulare diffusa. I ricercatori di Los Angeles hanno operato geneticamente sulla TRAIL, unendone una parte a un’altra proteina, la CD19, tipica della leucemia. Hanno così creato una sorta di ibrido, una proteina nata dalla fusione di due. In grado però di sfruttare le funzioni della prima (TRAIL) per distruggere le cellule della seconda (CD19L) e fermare dunque la loro espansione in corpo. Finora i risultati sono ottimi. La nuova terapia a base della proteina ibrida ha distrutto il 99% delle cellule tumorali, sia in laboratorio che nel corpo di topi vivi malati.

admin

x

Guarda anche

Ecco il “tatuaggio dottore” che controllerà la nostra salute

Se amate i tatuaggi e volete veramente essere originali dovrete assolutamente provarlo! Se non li ...

Condividi con un amico