Home » Benessere » Defibrillatori sui taxi. Bologna lancia un'idea geniale

Defibrillatori sui taxi. Bologna lancia un'idea geniale

Quante volte abbiamo parlato dell’importanza di un defibrillatore? E ovviamente anche dell’importanza di saperlo usare. Il defibrillatore è l’unica cosa che può salvare una persona con un attacco cardiaco, o in preda a un arresto cardiaco, evento che purtroppo non è così raro come si pensa. L’arresto cardiaco improvviso colpisce tutti, anziani (il più delle volte) ma anche giovani e perfino sportivi.

Solo di recente le leggi italiane stanno imponendo l’uso di defibrillatori nelle società sportive, anche amatoriali, nonché nei luoghi pubblici. Il massimo dell’efficienza lo sta dimostrando la città di Bologna che ha imposto il defibrillatore a bordo anche dei propri taxi. Si chama DAE (defibrillatore automatizzato esterno) ed è stato acquistato dal Comune di Bologna in collaborazione col 118 e con la società dei taxi locale. Ogni vettura porterà a bordo un defibrillatore e naturalmente gli autisti saranno formati all’utilizzo.

Ma anche se l’autista non fosse pronto, avere un defibrillatore a bordo di un taxi è utilissimo. Non sempre l’ambulanza arriva per tempo a soccorrere una persona in arresto cardiaco, ma un taxi “che passa per caso” può essere fermato molto prima e intervenire sul cuore di quella persona nei pochi minuti utili prima che sopraggiunga il decesso. Un’idea molto intelligente e utile, che sicuramente salverà la vita a tante persone. Al momento girano già 15 taxi forniti di defibrillatore, e lo scopo è quello di aumentarne il numero. E magari diffondere l’idea anche in altre città.

admin

x

Guarda anche

Abbronzatura, veri e falsi miti

La famosa tintarella non è un affare da poco. Ci si prepara per mesi, perché ...

Condividi con un amico