Home » Benessere » Un bambino con "tre genitori". L'Inghilterra dice sì

Un bambino con "tre genitori". L'Inghilterra dice sì

Il Parlamento inglese è stato il primo in Europa ad approvare la legge che permette a un bambino di avere “tre genitori”. Lo mettiamo tra virgolette perchè il discorso è molto più complesso di così, e nonostante le polemiche scatenate soprattutto in ambiente ecclesiastico (cattolici e anglicani subito contro) bisogna capire bene di cosa stiamo parlando. Non si tratta di nulla di mostruoso, anzi, l’opposto.

In realtà è troppo semplificativo dire “tre genitori” perchè i genitori sono sempre e soltanto due. Ma la tecnica che è stata approvata in Inghilterra riguarda un intervento delicato sugli ovuli da fare in casi eccezionali, per esempio quando la madre è portatrice di gravi patologie. Esistono infatti malattie che si trasmettono col patrimonio genetico materno, alcune anche mortali. Se una donna sa di avere quella malattia nel DNA ma vuole ugualmente avere dei figli, oggi può farlo grazie a questa nuova tecnica. Ecco in cosa consiste.

Si prende l’ovulo della madre “malata” e gli si toglie il nucleo col patrimonio genetico interessato. Lo si sostituisce col patrimonio di una donatrice sana e poi lo si feconda col seme del padre. Insomma, i genitori rimangono sempre quelli, non ci sono scambi o confusioni. C’è solo la sostituzione di alcune cellule che eviteranno al bambino di nascere condannato da malattie come l’emofilia, l’anemia mediterranea o simili. Dunque, in realtà, non si tratta di “tre genitori” ma di due genitori con un piccolo aiuto esterno, fatto esclusivamente a scopo benefico. Forse i timori dei religiosi riguardano l’estensione che questa tecnica può avere, per esempio per programmare figli con patrimonio genetico appositamente scelto.

admin

x

Guarda anche

In cerca di un donatore per bimba con rarissima leucemia

Una bimba italiana di soli 3 anni e già impegnata in una guerra terribile e ...

Condividi con un amico