Home » Benessere » Sigarette elettroniche condannate dalla Johns Hopkins

Sigarette elettroniche condannate dalla Johns Hopkins

Risuona l’allarme per le sigarette elettroniche. Stavolta l’avviso viene dalla prestigiosa Johns Hopkins University, l’ateneo americano all’avanguardia per la ricerca medica che di recente ha pubblicato -sulla rivista Public Library of Science ONE- i risultati di uno studio sugli effetti del vapore delle “e-cig” su topi di laboratorio.

Fino ad oggi si era confrontato il mondo delle sigarette tradizionali e quello delle sigarette elettroniche solo relativamente agli uomini. Per la prima volta alla Hopkins hanno sottoposto i topi a questi effetti, confrontandoli con gli effetti della loro esposizione al tabacco. Si è visto che, a lungo andare, le sostanze “svaporate” dalle e-cig causavano ai polmoni degli animali gli stessi danni che causavano le sigarette classiche di tabacco bruciato. Sebbene le lesioni ai polmoni non fossero comunque profonde come quelle derivate dal fumare tabacco, il rischio di problemi respiratori e infezioni polmonari saliva nei topolini abituati al vapore elettronico.
In aggiunta a questo, i topi sottoposti al vapore delle e-cig subivano un calo delle difese immunitarie, in alcuni talmente grave che sono stati uccisi da banalissimi attacchi virali. L’ipotesi è dunque che dopo aver “svaporato”, in corpo comunque rimangano sostanze che, sebbene nell’immediato non causino danni gravi come il tumore, a lungo andare possono comunque creare patologie di altro tipo, addirittura danneggiando il DNA e trasmettendosi con la riproduzione.

admin

x

Guarda anche

Abbronzatura, veri e falsi miti

La famosa tintarella non è un affare da poco. Ci si prepara per mesi, perché ...

Condividi con un amico