Home » Benessere » Paziente con dissecazione dell'aorta salvato da WhatsApp

Paziente con dissecazione dell'aorta salvato da WhatsApp

La storia comincia in una casetta di provincia, in Toscana, a Figline Valdarno. Un uomo di 73 anni si sveglia di notte con gravi problemi respiratori e non riuscendo a calmare i sintomi decide di chiamare un’ambulanza e di farsi portare in ospedale. Il 118 arriva subito e in pochi minuti l’uomo è ricoverato. I problemi però non migliorano, anzi vanno a peggiorare. Gli esami eseguiti d’urgenza scoprono una possibile dissecazione della aorta.

Qui entra in gioco la prontezza del medico di turno al Pronto Soccorso e l’aiuto valido e tempestivo dell’applicazione “WhatsApp”, la messaggeria istantanea per i cellulari. L’uomo scatta delle foto alle immagini rilasciate dall’ecografia e le invia con WhatsApp al cardiochirurgo, il quale conferma la diagnosi e predispone tutto per una operazione urgente. L’intervento è riuscito e l’uomo è stato salvato appena in tempo.
La dissecazione dell’aorta è un problema vascolare molto grave che, se non trattato per tempo, porta a morte certa in pochissimo tempo. La fortuna di quest’uomo è stata trovare sulla sua via un medico coscienzioso e scrupoloso, un telefonino ben attrezzato e un chirurgo che non ha avuto problemi a fare diagnosi nel cuore della notte. Un esempio meraviglioso di come uomo e tecnologia, insieme, possono diventare un team indistruttibile.

admin

x

Guarda anche

Sì allo sport anche per bambini affetti da malattie croniche e disabilità

Tutti i bambini dovrebbero fare sport, nessuno escluso, così da trarre beneficio dall’attività fisica e ...

Condividi con un amico