Home » Benessere » Dagli USA arriva il "dolorimetro"

Dagli USA arriva il "dolorimetro"

Il dolore è il fastidio più grande in assoluto. Anche quando è molto leggero, ma continuo, ci rende la vita un inferno. Che sia dolore temporaneo o cronico, duraturo o rapido, preferiremmo certamente non averlo. Il mal di testa in particolare è quello meno tollerato in quanto arriva a renderci irritabili e dunque antisociali al massimo.

La bella notizia che viene da Stanford, USA, riguarda proprio l’invenzione di un dispositivo in grado di misurare la presenza del dolore e la sua intensità. Lo chiamano “dolorimetro” perché funziona proprio come un metro, informando noi e il nostro medico su che tipo di fastidio stiamo provando e cosa ci vorrebbe per calmarlo. Ma più che noi, persone adulte e sane, un dispositivo del genere può aiutare i medici a capire il dolore dei bambini, delle persone anziane o delle persone con handicap mentale che non sanno esprimersi bene.

Funziona come una risonanza magnetica, dunque senza invasività e senza dolore. Monitora il cervello illuminando le aree interessate dalla sofferenza, e in questo modo invia al medico informazioni precise e dirette su dove intervenire e come farlo, anche quando la persona non riuscisse a spiegare cosa si sente. Buona parte delle persone con handicap mentale, non potendo spiegare il disagio, non vengono capite e per questo possono anche diventare violente. Un pericolo che con il “dolorimetro” non si dovrebbe più verificare.

admin

x

Guarda anche

Allergia al latte, Linee guida per diagnosi e trattamento

In arrivo nuove Linee guida realtive alla diagnosi e al trattamento dell’allergia al latte. Dagli ...

Condividi con un amico