Home » Benessere » Estetiste specializzate per pazienti con tumore allo IEO

Estetiste specializzate per pazienti con tumore allo IEO

L’estetista al servizio della medicina contro il cancro? Sì, è un’idea geniale. Non solo perchè l’occhio attento di un’estetista può individuare sul corpo della donna cambiamenti come lesioni della pelle, nei anomali, o altri segni che possono indicare un tumore in atto … ma anche, e soprattutto, perchè sono loro che possono aiutare le pazienti a sentirsi ancora belle e sicure dopo la chemioterapia.

Sappiamo tutti cosa significa sottoporsi alla chemio: caduta di capelli, sopracciglia e unghie, gonfiori, cicatrici, infiammazioni, macchie. Una donna, che tiene alla bellezza in modo particolare, vedendo il proprio corpo devastato perde anche sicurezza, speranza e grinta... fattori importanti per contrastare il cancro. Agire sulla bellezza per agire sulla psicologia, è questo lo scopo per il quale alcune estetiste verranno appositamente formate presso lo IEO (Istituto Europeo di Oncologia). Saranno in tutto 75, perchè oltre ad essere brave estetiste devono avere determinate caratteristiche caratteriali e non tutte le hanno.

Le 75 che prenderanno il diploma da questo corso, infatti, devono saper trattare con situazioni molto dolorose, devono essere pronte anche a perdere una paziente alla quale si erano affezionate. Devono soprattutto trasmettere sicurezza e avere molta pazienza. Lo IEO sta sperimentando da qualche tempo i trattamenti di bellezza per le pazienti di Oncologia, e ha verificato che è proprio così … la bellezza ritrovata aiuta le donne malate di cancro a reagire meglio alla malattia. Nonostante alcune critiche, sinceramente ingiustificate, il progetto va avanti perchè la salute mentale è la medicina migliore per aiutare quella fisica. E in una donna, un trucco ben fatto, una parrucca che sembrano capelli veri, può dare una carica inimmaginabile per non arrendersi mai.

admin

x

Guarda anche

Ecco il computer che scova i tumori in 10 minuti

Lo hanno chiamato WATSON come l’assistente di Sherlock Holmes e come lui questo computer nato ...

Condividi con un amico